Un viaggio musicale che parte dal Mediterraneo per arrivare in ogni angolo del mondo.

Istanbul Sessions
Di origini svedesi, ma di casa a a New York, Ilhan Erşahin mescola nel suo sassofono il pop, il jazz e la musica della propria tradizione culturale turca. I suoi concerti sono un volo pindarico di dub, reggae, bossa nova, new soul e acid jazz.
“Ho dato vita al progetto Istanbul Sessions nel 2008 proprio a Istanbul. Sono rimasto molto legato alla scena musicale turca e potrei dire che tutto è cominciato nel 1994, quando ho fatto il mio primo spettacolo all’Akbank jazz festival…”

Istanbul Sessions raccoglie così, intorno Ilhan Erşahin, tre giganti della musica turca contemporanea: Alp Ersönmez, Turgut Alp Bekoğlu, Sezen Aksu. I loro concerti sono diventati ormai leggendari, con lunghe jam session (a cui si ispira il nome del progetto) di complesse e virtuosistiche tessiture musicali.

Dj Gruff
Dj Gruff parte dalla Sardegna e dalla cultura hip-hop di Torino dei primi anni ’80 per continuare il suo viaggio musicale da Parigi al Giappone e ritornare così a Milano.

In un’epoca fatta di icone temporanee, di velocità di apparizione e scomparsa, esistono ancora prodotti locali genuini, carichi di contenuto e di personalità.Dj Gruff parte dalla Sardegna e dalla cultura hip-hop di Torino dei primi anni ’80 per continuare il suo viaggio musicale da Parigi al Giappone e ritornare così a Milano. L’approccio di Gruff al mondo musicale è sempre stato totalmente estraneo ai circuiti commerciali e fedele alle proprie origini. Oggi Dj Gruff rende omaggio al mondo dell’hip hop, concretamente, senza compromessi.

Approfondimento
Istanbul Sessions

BIGLIETTI
12 euro + diritti di prevendita
solo dj set 10 euro + diritti di prevendita